Navigazione veloce

Organigramma

 L’Istituto è presieduto dal Dirigente Scolastico, prof. ing. Raffaele Buonsante, che assicura la gestione unitaria dell’istituzione, ne ha la legale rappresentanza, è responsabile della gestione delle risorse finanziarie e strumentali e dei risultati del servizio. Nel rispetto delle competenze degli organi collegiali, spettano al dirigente scolastico autonomi poteri di direzione, di coordinamento e di valorizzazione delle risorse umane.

In particolare il dirigente scolastico organizza l’attività scolastica secondo criteri di efficienza e di efficacia formative ed è titolare delle relazioni sindacali. Nell’esercizio delle competenze di  cui  sopra  il  dirigente  scolastico  promuove  gli  interventi  per  assicurare  la  qualità  dei processi formativi e la collaborazione delle risorse culturali, professionali, sociali ed economiche del territorio, per l’esercizio della libertà di insegnamento, intesa come libertà di ricerca e innovazione metodologica e didattica, per l’esercizio della libertà di scelta educativa delle famiglie e per l’attuazione del diritto all’apprendimento da parte degli alunni.

Nell’ambito delle funzioni attribuite alle istituzioni scolastiche, spetta al dirigente l’adozione dei provvedimenti di gestione delle risorse e del personale. Nello svolgimento delle proprie funzioni organizzative e amministrative il dirigente può avvalersi di docenti da lui individuati, ai quali possono essere delegati specifici compiti.

Organigramma di Istituto

Dirigente e collaboratori

  • Dirigente Scolastico: Prof. Ing. Buonsante Raffaele
  • Collaboratore vicario: Prof.ssa  Detomaso Antonia
  • Fiduciario del plesso di Via Beccaria s.n.c.:
    • Prof.ssa  Costantino Giuliana  
    • Sostituto: Prof.ssa Pellegrini Anna Maria
  • Fiduciario del plesso di Via Procaccia, 111:
    • Prof.ssa Comes Cosimina
    • Sostituto: Prof. Allegretti Luca
  • Collaboratore di Staff Prof.ssa Detomaso Antonia
  • Collaboratore di Staff Prof. D’Amelj Melodia Vincenzo

 

Organizzazione Amministrativa e Tecnica

Direttore dei servizi generali ed amministrativi:  Mario Presicci 

Personale Amministrativo

  • Area personale: Iacovazzi Marianna
  • Area didattica: Ferretti Giuseppina
  • Area contabilità: Oscuro Isabella
  • Area Amministrativa

 

 

Il Comitato Tecnico Scientifico del Liceo Musicale

Il Comitato Tecnico-Scientifico del Liceo Musicale, secondo quanto previsto dall’art. 4 co. a) della convenzione sottoscritta con il Conservatorio “N. Rota” di Monopoli in data 29/08/2012, è composto da cinque membri permanenti, tre espressi dal Liceo e due espressi dal Conservatorio e rimane in carica per tutta la durata della Convenzione, salvo necessità di surroga per trasferimento o avvicendamento di uno o più componenti.

In rappresentanza del Liceo: il Dirigente Scolastico, che lo presiede; il docente titolare della Funzione Strumentale per il Liceo Musicale; un docente indicato dal Collegio Docenti.

In rappresentanza del Conservatorio: il Direttore, o un docente da lui delegato; un altro docente indicato dal Consiglio Accademico.

Ai lavori possono essere invitati a partecipare altri soggetti, in relazione alle competenze professionali necessarie ad affrontare problematiche specifiche.

Il Comitato tecnico-scientifico:

  • Elabora il piano delle attivit. didattiche delle discipline musicali attivate, in conformità con le linee generali di programmazione definite ai sensi dell’art. 3 della convenzione, sentiti i docenti delle discipline musicali attivate nel Liceo e in coerenza con i piani di studio previsti dall’Allegato E del D.P.R. 15/03/2010 n. 89;
  • Elabora i contenuti degli esami di ammissione delle diverse discipline musicali attivate ed i criteri di ammissione nelle singole discipline;
  • Elabora proposte di corsi di formazione e aggiornamento per il personale docente del Liceo Musicale impegnato nell’insegnamento delle discipline musicali previsti dall’art. 9 della convenzione;
  • Elabora pareri e formula atti di indirizzo in relazione alle modalit. di impiego, nella definizione del curricolo del Liceo Musicale, delle forme di autonomia e flessibilità previste dal D.P.R. n. 89 del 15/03/2010, art. 10;
  • Definisce i parametri ed i criteri di valutazione riguardo le competenze acquisite dagli studenti nelle discipline musicali, con particolare riferimento alle competenze alla fine del biennio e in uscita al termine del liceo, nella eventuale prospettiva dell’accesso al Triennio accademico di 1Åã livello delle istituzioni AFAM, nonché elabora un modello relativo utile al rilascio della certificazione;
  • Definisce, annualmente e a seconda dei casi specifici, delle modalità organizzative e dei criteri di valutazione e certificazione delle attività musicali che lo studente iscritto al Liceo Musicale stia già eventualmente svolgendo al Conservatorio “N. Rota”;
  • Regolamenta i criteri per la definizione dei crediti/debiti formativi nell’ambito delle discipline musicali;
  • Definisce i criteri di monitoraggio del percorso formativo;
  • Pianifica autonomamente la propria azione, secondo le esigenze e le scadenze previste dal programma annuale delle attività del Liceo Musicale;
  • Si riunisce in seduta ordinaria a scadenza trimestrale: all’inizio dell’anno scolastico per definire le linee d’indirizzo dell’attività didattica, stabilire le modalità di accertamento e certificazione delle conoscenze, abilità e competenze musicali degli allievi se svolte non nell’orario curricolare; due volte nel corso dell’anno scolastico per il monitoraggio in itinere; al termine delle attività didattiche per il monitoraggio finale e la valutazione complessiva delle iniziative messe in opera, proponendo, se necessario, nuove proposte organizzative e didattiche per il successivo anno scolastico;
  • Può essere convocato in seduta straordinaria su iniziativa del Presidente o su richiesta di almeno due dei suoi componenti;
  • Ove necessario, valuta, anche in commissione ristretta, il punteggio artistico e didattico dei docenti che hanno presentato domanda libera di disponibilità.

Il Dirigente Scolastico del Liceo “L. Russo”, in quanto Presidente del Comitato, provvede alla sua convocazione ed alla definizione dell’ordine del giorno in base alle scadenze sopra indicate, ai problemi scaturiti e/o alle novit. intercorse durante i mesi precedenti, nonché ai suggerimenti dei componenti dello stesso Comitato tecnico-scientifico. Tutta la documentazione relativa ai lavori del Comitato tecnico-scientifico (convocazione ed ODG, verbali riunioni, relazioni, corrispondenza, proposte …) . conservata agli atti del Liceo.

 

 

Comitato Tecnico – Scientifico (IPSIAM)

Gli istituti professionali, in base all’art. 5, comma 3 punto e) del Regolamento, possono dotarsi di un comitato tecnico scientifico (CTS) composto da docenti e da esperti del mondo del lavoro, delle professioni e della ricerca scientifica e tecnologica.

Il CTS costituisce un elemento che può favorire l’innovazione dell’organizzazione degli istituti professionali; . un organismo con funzioni consultive e propositive per l’organizzazione delle aree di indirizzo e l’utilizzazione degli spazi di autonomia e flessibilità; lo strumento per consolidare i rapporti della scuola con il mondo del lavoro e delle professioni e sviluppare le alleanze formative nel territorio.

Pur non essendovi una specifica regolamentazione in materia, la costituzione del CTS non può che essere formalizzata con apposite delibere degli organi collegiali della scuola nel rispetto dei ruoli istituzionali di ciascun organo. Per esigenze di trasparenza e correttezza istituzionale, costituiscono parti integranti di tali delibere l’atto costitutivo e il regolamento di funzionamento che ne definiscono la composizione anche in ordine alle competenze dei propri membri (coerenti con le caratteristiche dell’istituto e le finalit. del CTS), le funzioni, le modalità organizzative e forme di comunicazione e di cooperazione con gli organi collegiali dell’istituto, nel rispetto delle loro specifiche competenze.

Il Comitato ha anche l’onere di elaborare e proporre al Collegio dei docenti un Regolamento del CTS che ne determini la nuova composizione e le modalità di funzionamento.

 

Allegati